Terme Padova: le Terme Euganee

Terme Abano e Montegrotto: la storia delle Terme Euganee

In un altro articolo abbiamo già parlato specificamente delle Terme di Abano, il comune in provincia di Padova che, con le sue terme, vanta di essere uno dei migliori centri termali in Europa. Ebbene, quello che non avevamo detto è che le Terme di Abano, insieme alle Terme di Montegrotto, fanno parte del dittico delle Terme Euganee, anche conosciute come Terme di Padova, specializzate, come si è già visto, per fangobalneoterapia e nei trattamenti termali. le Terme di Padova appartengono al bacino delle Terme in Veneto.

Queste terme sorgono nel Parco Regionale dei Colli Euganei ed insieme a Galzignano, Battaglia e Teolo sono, appunto, la più grande stazione termale d’Europa.

Le fangobalnoterapie termali di Abano trovano la propria origine nel culto di Aponus, il dio dell’acqua termale e delle virtù curative, da cui tra l’altro deriva il nome della città di Abano.

 

Terme Euganee: l’acqua termale

L’acqua termale delle Terme Euganee appartiene alla categoria delle acque sotterranee profonde e le sue caratteristiche gli sono conferite da lungo viaggio che devono percorrere, a partire dal bacino dei Monti Lessini, nelle Prealpi, per arrivare al bacino termale delle Terme di Abano e Montegrotto. L’acqua defluisce negli strati profondi della roccia calcarea e tocca delle profondità di 2000-3000 metri ad alta temperatura e a forte pressione. Questo percorso di circa 80 chilometri, che ha una durata media di 25/30 anni, fa arricchire l’acqua di sali minerali e la fa sgorgare negli stabilimenti termali del bacino euganeo alla temperatura di 87 °C.

L’acqua termale euganea è classificata, dal punto di vista chimico, come salso-bromo-iodica ipertermale con un residuo fisso a 180° di 5-6 grammi di sali disciolti per litro.

 

Terme Abano e Montegrotto: stabilimenti termali, trattamenti terapeutici e convenzioni

I principali stabilimenti termali di Abano e Montegrotto, oltre 100, si sviluppano all’interno di hotel e resort, la cui attività principale consta nell’erogazione di prestazioni terapeutiche termali ed altre prestazioni correlate, come sono generalmente i trattamenti benessere o quelli estetici.

Partendo dalla fangobalnoterapia, la vera particolarità delle Terme di Abano e Montegrotto, è che coloro che la praticano sugli ospiti, sono paramedici in possesso di uno specifico diploma rilasciato dalla Regione Veneto, ed idonei all’esame di fanghisti. Ugualmente, nei centri termali di Abano e Montegrotto è anche possibile fare la massoterapia, ossia un massaggio terapeutico – a seconda degli stabilimenti termali ce ne possono essere di diverse tipologie – che è praticato, come per i fanghisti con la fangobalneoterapia, da fisioterapisti idonei alla massoterapia. Negli stabilimenti termali di Abano e Montegrotto si può anche effettuare la fisiokinesiterapia, sia attiva che passiva, utile per la riabilitazione motoria, che quando viene eseguita in acqua termale assume il nome di idrokinesiterapia. Per accedere a questi trattamenti si possono contattare direttamente gli hotel in cui l’ospite ha intenzione di soggiornare; per quanto concerne la fangobalneoterapia e le terapie inalatorie, sono convenzionate con il Sistema Sanitario Nazionale, ma tutti gli altri vanno pagati secondo tariffa stabilita dall’hotel e possono essere richiesti dietro presentazione della prescrizione del medico curante oppure in forma privata, ossia come libera iniziativa dell’ospite. L’unica differenza sta nel fatto che chi ha la prescrizione, qualora non fosse esente, deve pagare solo un ticket, mentre con l’accesso come privato si dovrà pagare l’intera tariffa prevista dallo stabilimento termale.

 

Terme Abano e Montegrotto: i trattamenti benessere e area wellness Spa

Per quanto riguarda i trattamenti benessere che è possibile fare nei diversi stabilimenti termali di Abano e Montegrotto, bisogna far riferimento ad ogni hotel, che ha la propria offerta.

In generale, però, partendo dai massaggi, si possono fare quello terapeutico, il massaggio sportivo, linfatico, drenante, rigenerante, ayurveda, orientale, antistress, shiatzu. Quelli più particolari sono sicuramente i massaggi hot-stone, basati sul posizionamento di pietre a temperatura variabile sulla schiena dell’ospite, allo scopo principale di sciogliere le contratture muscolari. In Italia, questi massaggi sono anche conosciuti come massaggi con le pietre laviche, ma questa definizione non è del tutto corretta, in quanto si può scegliere un trattamento con diverse pietre a seconda del problema. In linea generale, per il massaggio con pietre calde, le pietre vengono scaldate generalmente in acqua, a 65-70 °C; prima dell’applicazione delle pietre, si versa dell’olio sul punto della schiena dell’ospite in cui si vogliono posizionare, asciutte; va da sé che quando hanno disperso il loro calore vengono sostituite con altre pietre calde. Per il massaggio con pietre fredde, invece, non si usano più delle pietre laviche, ma dei particolari tipi di quarzo, raffreddati. Questa tipologia di massaggio è indicata per chi ha problemi di fragilità capillare, in quanto è noto che il freddo aiuta con il restringimento dei vasi e con l’ossigenazione delle cellule. C’è poi il massaggio con pietre calde alternate alle fredde, indicato per il trattamento di lesioni ai muscoli oppure per le infiammazioni, in quanto stimola la vasodilatazione e, in maniera alternata, la vasocostrizione; a questo si aggiunge anche un effetto rilassante e per certi versi sedativo sul sistema nervoso.

Nell’ area Spa-Benessere di molti stabilimenti termali degli hotel di Abano e Montegrotto, inoltre, ci sono centri specializzati che offrono trattamenti di dermocosmesi termale: si tratta di maschere viso, applicazione di prodotti contro la cellulite e trattamenti estetici mirati al rinvigorimento dermatologico e alla salute della propria pelle.

Dei trattamenti benessere, infine, fanno parte anche i trattamenti dimagranti, che sono strutturati attraverso dei programmi dietetici o programmi nutrizionali, sempre stilati da professionisti del sistema sanitario.

Terme Abano e Montegrotto per bambini: spazi e servizi di intrattenimento, trattamenti termali

Molti stabilimenti termali non ammettono i bambini o ci sono delle restrizioni per l’accesso, come l’età del piccolo. Le Terme di Abano e Montegrotto, invece, sono molto organizzate, non solo perché è possibile entrare alle terme anche con i bambini, ma anche perché propongono diversi servizi, che vanno dal babysitting mentre i genitori stanno facendo il percorso termale, a delle apposite sale con giochi, oppure ci sono proposte di escursioni per tutta la famiglia.

Ma andiamo a vedere insieme i vari servizi di intrattenimento per bambini proposti da alcuni hotel e stabilimenti del territorio di Abano e Montegrotto: in molti stabilimenti, ad esempio, ci sono le family rooms, ossia sale con spazi e giochi appositamente pensati per i bambini; altri centri hanno dei parchi e dei giochi all’aria aperta, ma se si vuole optare per degli altri spazi interni, ad esempio, c’è la possibilità di vedere dei cartoni animati o documentari e film nelle varie ludoteche e videoteche dei centri termali. Per quanto riguarda l’animazione, invece, il programma generalmente comprende delle merende pomeridiane e attività di miniclub. Per i più piccoli, invece, cioè chi ha bisogno di servizi neonatali, c’è la possibilità di avere seggioloni, culle e lettini. Se, infine, la famiglia decidesse di fare un’escursione, è possibile richiedere delle biciclette con seggioloni in cui si può adagiare il piccolo.

Per quanto riguarda, invece, i trattamenti termali, anche i bambini possono usufruirne; si sa, i bambini soffrono spesso di bronchiti, broncospasmi, laringospasmi e moltissimi problemi respiratori: siccome, però, i trattamenti non sempre possono essere visti come piacevoli dai bambini, le Terme di Abano e Montegrotto hanno pensato ad una strategia per rendere queste terapie più leggere: c’è la possibilità di fare i trattamenti con ginnastica o in braccio alla propria mamma, in un contesto di accoglienza e vacanza.  Per quanto riguarda i disturbi della prima infanzia, invece, l’acqua delle piscine termali ha le stesse caratteristiche, proprietà e principi attivi di quella per gli adulti: ciò fa sì che i trattamenti, specie quelli sull’orecchio, dei cui disturbi i bambini soffrono spesso, siano più efficaci.

Nelle piscine degli hotel di Abano e Montegrotto, infine, si svolgono anche dei corsi di acquaticità per mamme e neonati: si tratta di corsi di acquaticità infantile, acquaticità in gravidanza, ma anche – per le future mamme – corsi preparto e per neonati, il tutto in acqua calda, ad una temperatura di 35 gradi.

 

Terme Abano e Montegrotto e cosmetica termale

Le Thermae Abano Montegrotto hanno una propria linea di cosmetica termale, chiaramente prodotta a km0: la Abanospa. Si tratta di una produzione a chilometro zero proprio perché gli ingredienti della formulazione di questi prodotti provengono dal territorio del Bacino Termale Euganeo e del Parco Colli; sono gli stessi, inoltre, che sono utilizzati anche nei reparti specializzati degli hotel di Abano e Montegrotto Terme e nei negozi di prodotti di bellezza naturali.

Nessun prodotto di questa linea, proprio per la loro naturalezza, presenta paraffina, parabeni, petrolati e derivati alcolici. La loro preparazione è stata frutto di una ricerca di tre anni ed è il risultato di una collaborazione tra il Centro Studi Termali Pietro d’Abano e le Università di Padova e Bologna, insieme al laboratorio cosmetico Claire.

Gli ingredienti principali di questi prodotti sono indubbiamente l’acqua termale di tipo salsobromoiodico delle Terme Euganee e, poi, i microorganismi, ossia le alghe maturate nel fango di Abano e Montegrotto. Per quanto riguarda le profumazioni, invece, si è voluta mantenere una connessione con il luogo, chiaramente usando i profumi tipici del Parco Regionale dei Colli Euganei.

I quattro prodotti principali della linea ABANOSPA sono l’Acqua Termale, indicata maggiormente per arrossamenti cutanei, le Argille Colorate Thermal5Colours, e due creme idratanti per viso Hydroprotective e corpo Hydrodetox.

 

Altre terme in prossimità delle terme di Padova

Rimanendo sempre nella regione Veneto, a circa un’ora e un quarto di auto, tramite autostrada A4, si raggiungono le Terme Aquardens. Inaugurate nel 2012, sono il parco termale più grande d’Italia, con un complesso architettonico che copre oltre 60.000mq di superficie. Geograficamente rientrano tra le Terme in Veneto e si trovano a Pescantina, nelle colline della Valpolicella, alle porte di Verona e a pochi passi dal Lago di Garda.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

Grotte di Camerano

Grotte di Camerano Se state visitando le Terme nelle Marche, e vi trovate in provincia di Ancona, sappiate che a soli 4 km di distanza

Terme nelle Marche

Generalità sulle Terme marchigiane nelle varie province Al pari di molte altre regioni d’Italia, anche le Marche sono ricche di centri termali e strutture in

terme di chianciano

Terme Sensoriali di Chianciano

Vacanza di relax alle Terme Sensoriali Chianciano La vita odierna è sempre più frenetica, sempre più veloce: se state leggendo questo articolo sulle Terme Sensoriali

Terme di Sassetta

Dove si trovano? Le Terme di Sassetta si trovano nel Comune di Sassetta in provincia di Livorno. Questo comune si trova nella Val di Cornia,

Terme di Catullo

Terme di Catullo: le terme decantate dal poeta Catullo Riconosciute dal FAI, il Fondo Ambiente Italiano, la fondazione italiana che si occupa della tutela, della