L’Acqua termale Avène

Acqua termale Avène: che cos’è e a cosa serve.

L’acqua termale Avène, conosciuta sul mercato anche come Eau Thermale Avène, è un prodotto anti-rossori e lenitivo, realizzato e distribuito dal gruppo Pierre Fabre, il cui stabilimento è situato a soli 10 minuti a piedi dalla stazione termale di Avène, nei pressi della val d’Orb.

Infatti, il principio attivo di questo prodotto è proprio l’acqua termale prelevata dalla fonte, batteriologicamente pura e confezionata in blocco sterile.

Va da sé che le sue principali funzioni – effetto lenitivo, anti-irritazione ed anti-rossori – sono correlate al principio attivo: l’acqua termale è già di per sé un’acqua con proprietà efficaci sul microcircolo; quindi, rende questo prodotto particolarmente indicato per chi soffre di rosacea, capillari fragili o couperose. Inoltre, secondo la classificazione dell’acqua esistente, l’Acqua termale Avène è un’acqua debolmente mineralizzata, quindi con un contenuto molto basso di sodio e, al contrario, la presenza di molti oligoelementi.

L’effetto lenitivo, o anti-irritazione, invece, agisce sui vari rossori della pelle, in particolare quelli dovuti ad un’aggressività da parte di agenti esterni (il tipico rossore post-ceretta o irritazione da rasoio), sbalzi termici, come ad esempio una doccia calda quando la temperatura esterna è fredda, e viceversa. È inoltre indicata per la pelle dei bambini, in particolare per gli arrossamenti dei glutei e della zona perianale.

Per tutti questi motivi, l’Acqua termale Avène è assolutamente adatta per pelli ipersensibili, soggette a dermatiti e reazioni o fragilizzazioni cutanee, in quanto ha anche la capacità di favorire la rigenerazione delle microlesioni.

Questo prodotto, che generalmente è presentato in formato spray può essere usato anche in due altri modi: come idratante – spruzzandolo all’occorrenza – ma, soprattutto l’Acqua Termale Avène può essere usata ai fini estetici, come fissaggio post make-up o come purificante dopo essersi struccati.

Generalmente è molto conosciuta in forma di spray, ma esiste anche una formulazione in gel, sotto forma di crema idratante.

 

INCI e opinioni dei consumatori

La questione dell’INCI è sempre importante, quando si acquista qualsiasi prodotto per il proprio corpo, che sia un bagnoschiuma, una crema o un’acqua termale. Generalmente si fa riferimento al Biodizionario, una guida al consumo consapevole di cosmetici e alimentari in cui sono elencati e segnati in verde, giallo e rosso – come un semaforo – tutti gli ingredienti di quei prodotti che, secondo questi colori, sono, rispettivamente, benefici, da verificare, non salutari.

L’Acqua termale Avène è l’unico prodotto di questo marchio ad avere un INCI verde: i componenti di questo cosmetico sono l’acqua termale, naturalmente benefica, ed il Nitrogen, ossia azoto compresso, usato come propellente dell’acqua, cioè come aiuto per la nebulizzazione in spray.

In alcuni forum online, in cui fioccano le opinioni positive sull’Eau Thermale Avène, il Nitrogen ha tuttavia sollevato delle polemiche tra i consumatori, che lo avrebbero identificato come responsabile di un’irritazione della pelle dopo l’uso dello spray. Le motivazioni delle persone sono legate al fatto che l’azoto compresso favorisce la produzione di un eccesso di radicali liberi, che dunque determinerebbero la morte cellulare e la presunta irritazione di cui sopra.

La verità, come sempre, sta nel mezzo; nonostante le opinioni dei consumatori siano per la maggior parte molto positive su questo prodotto Avène, c’è realmente una minoranza che testimonia delle irritazioni del viso dopo l’uso del flacone. La questione, in realtà, ruota tutta attorno al bollino dell’INCI, ossia: in ogni cosmetico ci sono degli ingredienti che sono segnalati come verdi (buoni, a minor impatto ambientale) ed altri che recano un bollino giallo o rosso, ma bisogna sempre considerare il rapporto di quel componente specifico con la pelle del consumatore, che in altri termini significa che non è detto che un ingrediente con un bollino verde, che magari ha un ottimo impatto ambientale, reagisca positivamente ad una pelle che può avere diversa composizione e problematiche. È per questo che il Nitrogen può essere una causa dell’irritazione, anche se è molto più probabile che il fastidio sia determinato dalla distanza a cui si spruzza il prodotto, dalla periodicità, condizioni ambientali e soprattutto dall’uso concomitante di questo prodotto con altri cosmetici.

 

Principio attivo, composizione

Come per tutti i prodotti di cosmetica, per il consumatore è molto importante la formulazione del prodotto, ovvero gli ingredienti che compongono lo spray o il gel crema. L’Acqua termale Avène è l’unico prodotto del gruppo Pierre Fabre ad essere totalmente benefico: il principio attivo di questo cosmetico, infatti, risiede nell’acqua termale della fonte della val d’Orb, dunque è un prodotto naturalmente benefico. L’unico altro componente di questo cosmetico oltre l’acqua termale è il Nitrogen, ossia il comune azoto compresso. Questo elemento è spesso usato, anche quotidianamente e dunque non necessariamente in merito ai cosmetici, come propellente dell’acqua, cioè come un agente che determina e al contempo favorisce la nebulizzazione in spray.

Per quanto riguarda le opinioni dei consumatori, generalmente l’Eau Thermale Avène è largamente apprezzata. Ci sono, tuttavia, delle persone che trovano fastidiosa l’applicazione in spray, specie sulla pelle dei bambini, probabilmente perché l’azoto compresso favorisce la produzione di un eccesso di radicali liberi, che, determinando naturalmente una morte cellulare, favorirebbero l’irritazione. Il punto è che questo non basta per determinare la causa dell’irritazione; in altre parole, il collegamento tra l’azoto e l’irritazione dell’epidermide non è scientificamente dimostrato e dimostrabile, ma per questo motivo, una buona soluzione se si vuole usare il prodotto sulla pelle dei bambini, si consiglia la formulazione in crema che, avendo una composizione e una struttura di base oleosa, ha anche un effetto idratante.

C’è da dire, poi, che è molto probabile che il fastidio possa essere determinato soprattutto dalla distanza a cui si spruzza il prodotto: è fortemente consigliato, infatti, utilizzare lo spray ad una distanza di almeno 30 cm dal viso, proprio per far sì che i tessuti delicati dei bambini non vengano irritati da ciò che in quel momento è percepito come corpo estraneo. Un altro fattore scatenante l’ipersensibilità, inoltre, può essere la periodicità del trattamento: è dimostrato che trattamenti costanti espongono la pelle ad un cambiamento non previsto e dunque la spingono ad accelerare un processo che, altrimenti, dovrebbe avvenire in condizioni naturali. Infine, c’è il fattore ambientale – se, cioè, il prodotto viene usato in aria densa di smog oppure in situazioni atmosferiche pulite e, soprattutto, è molto di rilievo l’uso concomitante di questo prodotto con altri cosmetici, che possono avere composizioni che alterano l’Acqua termale Avène.

 

Acqua termale Avène e acne

Una delle indicazioni terapeutiche che vede l’impiego dell’Eau Thermale Avène è la pelle acneica. L’acne è, di fatto, una malattia della pelle che colpisce i follicoli pilo-sebacei e si manifesta, da forme lievi a forme più gravi, con la comparsa di comedoni, pustole o cisti. I trattamenti consigliati sono, di norma, quelli topici – come creme, gel e altri prodotti che purificano la pelle – seguiti, a seconda dell’entità della malattia, da quelli antibiotici o ormonali, dato che l’acne può essere anche indice di disfunzioni legati ad un eccesso di androgeni, specie negli individui di sesso femminile.

Oltre alle classiche bolle e foruncoli, l’acne può avere anche altre manifestazioni fisiche, a seconda della gravità della patologia, come ad esempio la comparsa di pustole o cisti. Sebbene sia spesso trattata localmente con prodotti ad uso topico (ossia creme purificanti, gel e sieri depurativi) nelle forme più intense o a seconda della sua causa, l’individuo può essere sottoposto anche a cure a base di antibiotici o ormoni, dato che l’acne può anche essere un indicatore importante di disfunzioni ormonali: specie negli individui di sesso femminile e nella fase della pubertà, infatti, ci può essere una maggiore produzione di androgeni, che spesso determina anche la maggiore crescita di peluria o è causa di irsutismo.

È solo nelle forme più intense, che l’Acqua termale Avène non può essere usata. L’Acqua termale Avène, rientra invece nei trattamenti topici per un’acne lieve, uno sfogo improvviso o tendenza all’acne. Le opinioni dei consumatori che soffrivano di questo problema sono state tutte positive: hanno dichiarato che il prodotto ha schiarito le macchie e purificato la pelle; questo è vero, dal momento in cui le acque termali sono generalmente ricche di zolfo, che ha un effetto notoriamente depurativo. Le acque termali sulfuree, infatti, sono le migliori acque ad essere usate come rimedio per problemi dell’epidermide. Inoltre, l’acqua termale regolarizza la produzione di sebo, che nella persona acneica è il problema principale.

Acqua termale Avène e pelli sensibili

Quest’acqua termale è molto nota e ricercata nel settore della cosmetica termale – in particolare la cosmesi dedicata alle pelli sensibili; questo perché è un prodotto che ha una duplice funzione: è particolarmente efficace come lenitivo ed è in grado di fungere anche come anti-rossore.

Spesso, infatti, i bambini o chi ha la pelle chiara soffrono di couperose, ossia quel fenomeno legato alla circolazione che porta alla rottura dei capillari. Questa patologia, insieme alla rosacea – la sua naturale evoluzione – o problemi di microcircolo e legati alla dilatazione capillare, avviene frequentemente durante gli sbalzi termici (ad esempio, il passaggio doccia calda/ambiente freddo) ed in particolar modo d’estate; si sa, infatti, che il calore dilata i vasi e può produrre problemi ai capillari e, inoltre, che l’esposizione al sole può far arrossare velocemente una pelle con un basso fototipo.

È in tutti questi casi che l’acqua termale Avène è molto valida: la composizione di questo prodotto è debolmente mineralizzata, quindi si tratta di un’acqua con un contenuto molto basso di sodio e, piuttosto, vede la presenza di molti oligoelementi che aiutano la pelle; per di più, il suo principio attivo è incentrato sul ripristino del microcircolo.

Per quanto riguarda l’effetto lenitivo, invece, questo prodotto contrasta lo stato di irritazione derivato da temperature eccessive, reazioni del derma agli acari o, semplicemente, contrasta le manifestazioni di rossori più o meno intensi della pelle. La debole allergia agli acari della polvere che sfocia in un arrossamento cutaneo, dunque, può avere una soluzione di questo tipo; ugualmente, l’acqua termale Avène si rivela efficace contro i rossori prodotti da un’aggressività da parte di agenti esterni – ad esempio l’arrossamento generato automaticamente dal derma dopo aver sottoposto la pelle agli strappi della ceretta o dopo un’epilazione da rasoio.

Acqua termale Avène: uso per i bambini

Se avete un neonato o un bambino fino ai cinque anni di età, l’Acqua termale Avène può essere un buon rimedio per gli arrossamenti dei glutei e della zona perianale. In questi casi, è preferibile usare la formulazione in gel, ossia la crema idratante che si può applicare topicamente e dunque non si disperde, come invece avverrebbe con la nebulizzazione del prodotto spray.

Generalmente, i bambini sono anche predisposti al soffrire di patologie del derma molto fastidiose, come la dermatite atopica – che colpisce in particolare neonati e bambini fino ai 4 anni – e la fragilizzazione cutanea, che può interessare anche bambini fino ai 14 anni. In questi casi, l’Acqua termale Avène è assolutamente adatta, dato che una delle sue funzioni principali è quella di favorire la rigenerazione delle microlesioni, allontanando, dunque, le forme di desquamazioni e contribuendo alla formazione di un nuovo strato di pelle.

Acqua termale Avène: prezzi e dove acquistare

Generalmente, il prezzo medio per 300ml di Acqua termale Avène in spray è di 11€. È disponibile anche la versione del flacone da 150ml e, addirittura, anche il formato mini-size, indicato per tutte le persone che vogliono portarlo comodamente fuori casa.

Chiaramente, il prezzo può variare a seconda del distributore; e, a questo proposito, è importante dire che si può scegliere di comprare il prodotto in un punto vendita Avène o presso rivenditori online.

Tra i punti vendita, sicuramente il modo più facile per reperire un prodotto a marchio Avène è quello di recarsi personalmente nelle farmacie o nelle parafarmacie, oppure anche presso alcune grandi profumerie, che generalmente sono abilitate alla vendita di prodotti di cosmetica e cosmetica termale. In entrambi i casi, il prezzo è spesso variabile e generalmente, sia le profumerie che le farmacie possono proporre un’offerta che prevede l’abbinamento dell’Acqua termale Avène con altri prodotti della stessa linea o prodotti similari.

Per quanto riguarda i rivenditori online, invece, come non citare Amazon, in cui c’è la possibilità di scegliere anche l’acquisto tramite una vendita da parte di rivenditori privati. In questo caso, il prezzo del prodotto proposto è generalmente di 6€ con un costo aggiuntivo di spedizione.