Olistica e biocosmesi alle Terme di Sassetta

Terme di Sassetta: non solo Terme ma anche olistica e biocosmesi

Avevamo già parlato delle Terme di Sassetta, il cui accesso è gestito dell’Agriturismo La Cerreta; queste terme rientrano senza dubbio tra le più conosciute e apprezzate terme della Toscana. Nei paragrafi successivi vedremo insieme i vari trattamenti particolari proposti dall’Agriturismo biodinamico La Cerreta. Ci soffermeremo, nello specifico, sui trattamenti olistici e daremo poi uno sguardo ai trattamenti di biocosmetica.

Terme di Sassetta: campane tibetane e benefici principali

Le Terme di Sassetta, come abbiamo già visto, all’interno della propria Spa Centro Benessere, propongono un percorso benessere che comprende i più classici accessi alle vasche con acqua termale, il percorso riabilitativo per la circolazione, le cascate per curare la cervicale. Ci sono, però, anche dei trattamenti molto particolari, che uniscono la spiritualità ed uno stile di vita diverso, di stampo orientale, al benessere della persona: si tratta dei trattamenti olistici. Tra questi, vi rientrano senza dubbio le campane tibetane.

Stiamo parlando di un trattamento di un’ora che mira al riequilibrio dei chakra. Le campane tibetane sono sette strumenti vibrazionali che vengono suonati con un bastone alla cui punta è applicato un cuscinetto, o toccati con movimenti circolari delicati; ogni campana emette una nota specifica della scala musicale ed è importante il metodo con cui la si porta ad emettere il suono. Ogni nota è associata ad un chackra, quindi va da sé che l’operatore suona quella più utile per riequilibrare ciò che nel cliente non è armonico. Ad esempio, se il cliente avrà un disturbo all’apparato genitale, l’operatore suonerà la campana collegata al secondo chackra.

Di solito, le campane tibetane vengono tenute in mano o, in alternativa, vengono messe a terra con la parte cava rivolta in alto, pronta ad essere suonata. Non è scontata neanche la loro composizione: se è vero che ad ogni campana è associata una nota musicale, è anche vero che ognuno di questi strumenti è composto di una particolare lega metallica; così, l’oro è associato al Sole, l’argento alla luna, il mercurio collegato all’omonimo pianeta, il rame è legato a Venere, il ferro a Marte, lo stagno Giove ed infine il piombo a Saturno. Naturalmente, ogni pianeta influenza un chackra e contribuisce al ripristino del sistema psico-fisico della persona.

Parlando più approfonditamente dei benefici principali di questi strumenti, in primis va detto che hanno la capacità di riprodurre la vibrazione del suono OM, che da sempre è considerato un inno universale. In particolare, nei bagni di gong risvegliano la consapevolezza interiore, favoriscono uno stato di rilassamento e ristabiliscono le frequenze corporee naturali. Inoltre, donano maggiore energia, è noto che diminuiscano le contrazioni muscolari, migliorino la concentrazione, normalizzino la pressione del sangue e stimolino il sistema immunitario.

 

Terme di Sassetta: trattamenti di biocosmetica

Tra i vari trattamenti proposti dallo staff delle Terme di Sassetta, sicuramente bisogna parlare anche dei trattamenti di biosmetica, ossia quelle pratiche di benessere per la skin care. Esaminiamone i principali:

  • Il trattamento skin care inverno, che prevede l’applicazione di Oleolito di Iperico, Burro di Karitè oppure Vitamina C, tutti ad effetto lenitivo e riparatore, contro la pelle arrossata per il freddo o eccessivamente secca, che dunque necessita di maggiore idratazione e di una protezione contro il vento e gli altri agenti atmosferici che provocano irritazione e un cambio repentino di temperatura, agendo negativamente sui capillari.
  • Il trattamento corpo, che consiste perlopiù nella scelta di vari tipi di massaggi; ad esempio, tra i più famosi della struttura c’è il trattamento alla caffeina, che può durare 50 o 80 minuti a scelta dell’ospite, ed è volto a combattere la cellulite; inoltre, va ad agire sullo scioglimento dei grassi, stimola il sistema linfatico, rinnova le cellule morte e remineralizza la pelle. Dopo l’iniziale massaggio, è prevista anche l’esfoliazione, volta ad eliminare le impurità della pelle, e si conclude infine con una maschera di fango che purifica la pelle. Per un’esperienza rigenerante e sensoriale, invece, è sicuramente consigliato il trattamento al cacao, che va proprio a stimolare i sensi ed energizza la totalità del corpo.

Infine ci sono anche i trattamenti viso e corpo, ossia dei pacchetti in promozione che vanno a proporre dei trattamenti combinati per viso e corpo, pratiche di benessere che hanno in primis un’azione antiossidante e poi remineralizzante ed anche vasoprotettiva. Alla base del trattamento ci sono la viniferina, i cui risultati più evidenti sono senza dubbio l’effetto antimacchia, il resveratrolo, che vanta di proprietà antiossidanti, l’acido linoleico, primo tra gli elementi che combattono i radicali liberi, ed infine i flavonoidi, che hanno una funzione vasoprotettiva.

Sia per il viso che per il corpo, tutte le materie prime usate nei trattamenti provengono dall’Azienda Agricola Biodinamica La Cerreta.

 

Terme di Sassetta: equitarmonia e riflessologia plantare

Per ultimo andiamo ad occuparci dell’equitarmonia e delle pratiche di riequilibrio basate sulla riflessologia plantare. All’Agriturismo La Cerreta c’è un ampio spazio adibito a maneggio in cui è possibile fare un’esperienza con i cavalli del podere. Sempre nell’ottica del proporre un’esperienza di benessere, l’equitarmonia è basata sull’incontro tra uomo e cavallo e mira all’armonizzazione psico-fisica ed energetica tra i due. Quindi, come si vede, non si pratica equitazione a livello sportivo, ma invece si effettuano passeggiate a cavallo in cui si porta la persona a comunicare sensibilmente con l’animale. L’obiettivo è quello di formare un rapporto di comprensione reciproca.

Per fare questo, sostanzialmente si effettuano delle esercitazioni con il cavallo, ma attraverso un approccio improntato al gioco, all’educazione e con una base emozionale. Va da sé che il cavallo sarà trattato con gentilezza e anche la caratteristica fermezza che è necessaria affinchè le pratiche di equitazione vengano eseguite correttamente.

Oltre lo sfondo psicologico e di riequilibrio, però, l’equitarmonia è molto consigliata anche sul piano della sicurezza personale: se, infatti, c’è un buon rapporto tra la persona e il cavallo e si tengono in considerazione vari fattori, tra cui lo stato d’animo – sia della persona che dell’animale – è più facile che si evitino incidenti. Dunque, ci si può rilassare e divertire in sicurezza, ammirando i paesaggi che propone l’ambiente circostante.

Terminando con la riflessologia plantare, questa è una tecnica basata su un massaggio che va effettuato su punti specifici del piede per ristabilire l’equilibrio del corpo. Questa pratica di guarigione fa riferimento alla teoria secondo cui ad ogni punto specifico della pianta del piede corrisponde un organo del nostro corpo; dunque, premendo un punto in particolare e avvertendo l’eventuale dolore, si va a scoprire il malfunzionamento o, semplicemente, premendo i punti corrispondenti al disturbo avvertito e manifestato dalla persona, si mira al riequilibrio ed all’accelerazione della guarigione.

Questo trattamento va effettuato solo nel caso in cui il soggetto non sia nervoso, perché in caso contrario non si è rivelato efficace. Altresì, è importante che al trattamento non si espongano le donne in menopausa o in gravidanza, proprio per via degli sbalzi ormonali che rendono l’individuo più agitato e quindi meno propenso al beneficio.  Ma ora andiamo a vedere come si svolge una seduta di riflessologia plantare.

Una seduta di Riflessologia Plantare dura generalmente una cinquantina di minuticirca un’ora, ed è importante dire che va ripetuta a cadenza settimanale, proprio perché il corpo ha un suo tempo biologico per adattarsi al cambiamento. Quando si effettua la seduta, il paziente è in posizione semi-sdraiata sul lettino da massaggio, dev’essere vestito con abiti che diano una sensazione di comodità, mentre il terapeuta (generalmente un naturopata o un medico) è seduto in fondo al lettino e inizia ad esercitare una pressione sulla pianta del piede della persona che si è sottoposta al trattamento.

Sebbene questa pratica vada ripetuta a cadenza settimanale, è importante dire che non si possono decidere a priori il numero di sedute necessarie ad ogni persona, in quanto dipende dal tipo e dalla durata del disturbo che la persona presenta. Si può dire, però, che una media che dimostra un effetto duraturo è quella che va da cinque a sette sedute.

Share:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Share on linkedin
LinkedIn
On Key

Related Posts

Terme di Sassetta

Dove si trovano? Le Terme di Sassetta si trovano nel Comune di Sassetta in provincia di Livorno. Questo comune si trova nella Val di Cornia,

Terme di Merano

Collocazione Le Terme di Merano, assieme alle Terme di Pejo e alle QC Terme Pozza di Fassa, della catena QC Terme, fanno parte del parco delle

Terme a Siena

Collocazione La Toscana è sicuramente una delle regioni italiane più ricche di storia e cultura e tradizioni enogastronomiche. Ciò la rende una meta ambita dai